@: info@rundesign.it
02.8715.6247

Logo Audi: perfezione e qualità

Logo Audi: perfezione e qualità
15 Aprile 2022 Roberta Casaliggi
Storia del logo Audi

La storia del logo Audi riflette i cambiamenti di proprietà che Audi ha subito tra il 1928 e il 1964, quando è stata conglobata dal Gruppo Volkswagen e fino ai nostri giorni.

La casa automobilistica Audi risale al 1899, quando l’ingegnere August Horch fondò il primo nucleo della casa automobilistica che, nel 1909, divenne una vere a propria realtà commerciale e produttiva. Horch si distaccò allora dai soci e, mettendosi in proprio, fondò Audi, la cui denominazione deriva da un vocabolo latino che significa “ascolta”, traduzione del termine tedesco “horch”.

Nonostante il grande successo, alla fine del conflitto mondiale la casa automobilistica conobbe uno dei suoi periodi peggiori, tanto da dichiarare bancarotta nel 1927. Audi fu acquistata dalla DKV, una fiorente azienda nata nel periodo post bellico.

 

1909: il primo logo Audi

Il primo logotipo Audi a fare la sua comparsa è del 1909: il nome Audi è scritto in un corsivo calligrafico in grigio scuro ed ha un andamento ascendente verso destra. La scritta è incorniciata dal proseguimento delle grazie della A e della i finale. Sempre dello stesso anno è un nuovo marchio in bianco e nero: un triangolo su cui è incisa la scritta Audi a cui si sovrappone un emisfero e quello che sembra essere un “1”. Il logo non è molto armonico e risulta di difficile lettura e memorizzazione, nonostante ciò rimarrà in vigore fino al 1932.

Il primo logo Audi

 

Logo Audi 1909

 

1932: la nascita del logo Audi ad anelli

Nel 1932, dopo il crollo di Wall Street, anche DKV fallì e su fuse con la casa automobilistica Wanderer, dando origine ad Auto Union, rappresentata dai famosi quattro anelli.

Il significato di questo logo si ricollegava alle quattro aziende maggiormente rappresentative della produzione automobilistica tedesca, che erano appunto Audi, DKV, Wanderer e Horch.

Il 4 loghi infatti sono inseriti nei 4 anelli, il tutto in una tonalità scura di blu.

 

Il primo logo Audi con gli anelli

1949: nasce il logo Auto Union

Nel 1949 il logo Audi viene molto semplificato, gli emblemi delle diverse case automobilistiche vengono rimossi dal logo e al loro posto un rettangolo nero orizzontale collega i 4 anelli per ospitare la scritta in carattere bastoni in bianco AUTO UNION.

 

Logo Auto Union

 

1969: il logo Audi NSU

In questo periodo si unisce alla casa automobilistica la NSU Motorenwerke AG, un produttore di motociclette e automobili. Scompaiono allora dal logotipo Audi i 4 anelli e al loro posto solo un semplice rettangolo nero orizzontale a contenere la scritta in bianco: Audi NSU. In logotipo fin troppo banale che infatti non durerà a lungo. Al suo posto tornano in fatti i 4 anelli, questa volta senza nessuna scritta e di un blu acceso.

 

Logo Audi Nsu

 

1978: Il rosso del logo Audi

Nel 1978 viene sviluppato un nuovo logo Audi che si distanzia molto da quello precedente. Un ovale rosso acceso con un doppio bordo bianco e rosso ospita la scritta Audi con un carattere tipografico molto particolare, dove la A e la d minuscola sono molto caratterizzate. Il bianco e il rosso insieme trasmettono l’idea di coraggio ed energia che si riflettono sull’immagine di brand.

 

 

Logo Audi 1978

 

 

 

Nel 1995 si rivisita il logo Audi

Nel 1995 il logo Audi viene ridisegnato dai designer di Audi combinando gli anelli e la scritta. Gli anelli vengono resi tridimensionali ed un effetto grafico li rende “cromati”. Sotto la scritta Audi in rosso. Questa versione del logotipo Audi durerà fino al 2009 e fu molto apprezzata dalla dirigenza della casa automobilistica. 

 

Logo Audi 1995

 

2009: l’anno del restyling

Nel 2009 il logo Audi subisce un restyling per renderlo più al passo con i trend del periodo. Il nome dell’azienda è reso più piccolo e sposato in basso a sinistra sotto gli anelli. Questi sono sempre rappresentato con un effetto che li fa sembrare lucidi e metallici, cromati, ma l’effetto è più realistico e di maggior effetto. Sembrano indistruttibili!

 

Logo Audi 2009

 

2016: il debranding del logo Audi

Il 2016 è l’anno in cui il logotipo Audi fa un passo verso la semplificazione, potremmo quasi definirlo un debranding. Spariscono tutti gli elementi 3D dal logo, gli anelli sono in nero su fondo bianco e sparisce anche la scritta Audi. Il logo è conciso ed elegante, senza nessun elemento superfluo. Esiste comunque una versione con la scritta storica Audi in nero centrata sotto gli anelli. Dal sito Audi leggiamo rispetto al loro logo: “Chiaro e semplice. Nessun effetto. E, a seconda dello sfondo, semplicemente bianco o nero. Gli anelli sono un simbolo di fama mondiale e rappresentano il marchio.”

Il logo di Audi oggi

 

Com’è il logotipo di Audi oggi

I designer incaricati di sistematizzare la brand identity di Audi hanno chiarito tanti aspetti che vengono in aiuto a tutte le figure professionali che devono applicare il logotipo di Audi. Oggi è possibile utilizzare gli anelli del logo Audi in diverse versioni di spessore diverso.

Anelli variabili logo Audi

I colori sociali di Audi rimangono bianco, nero e rosso.  L’ordine è irrilevante perché non c’è una gerarchia qui. Ciò che conta è che i colori supportino il messaggio che vuoi trasmettere e che il layout su cui viene applicato il logo  non sia troppo colorato.

 

i colori della corporate identity di Audi

 

Per quanto riguarda la tipografia, la corporale identity di Audi utilizza una tipografia flessibile: gli stili di carattere Audi Type consentono un’ampia varietà di scenari e stati d’animo. In questo modo, le applicazioni concrete possono riflettere in maniera più coerente la brand image verso il proprio target. Nonostante questa flessibilità, la font Audi Type garantisce una percezione del marchio uniforme in tutti i punti di contatto, dallo smartwatch allo spot televisivo. Applicato nei titoli, da Normale a Grassetto, questo stile di carattere è una caratteristica distintiva chiave del marchio.

 

Font Audi

Ad Audi

 

 


Sei interessato a conoscere la storia dei loghi più famosi? Leggili tutti nel nostro blog: la Storia dei Loghi.