@: info@rundesign.it
02.8715.6247

Target

 

Il primo passo da compiere per definire la nuova identità del brand è individuare il target di riferimento.

 

Che cos’è il target

 

La parola “target” deriva dall’inglese e significa letteralmente “bersaglio”, “obiettivo”.
Nel mondo della comunicazione e del marketing, infatti, il target è proprio l’obiettivo che le aziende si impegnano a raggiungere con un loro prodotto o servizio, con la loro comunicazione o con uno o più mezzi di comunicazione.
Quasi sempre, il target è un gruppo di consumatori con caratteristiche in comune (ad esempio, genere, età, stile di vita, bisogno, interessi…), al quale vendere un prodotto o servizio, e perciò a cui è rivolto un determinato messaggio.
Per un’azienda è fondamentale conoscere il suo consumatore tipo, poiché in questo modo può raggiungerlo efficacemente e trasformarlo in vero e proprio acquirente.

 

Un’azienda, però, può non avere un solo target.
In molti casi, infatti, un’azienda può avere più di un target. Può esserci un target primario, che è l’obiettivo principale, e un target secondario, ovvero un gruppo di acquirenti ancora non tanto grande ma che ha potenziale di crescita.

 

 

 

Target di marketing e di comunicazione

 

È importante distinguere il target di marketing dal target di comunicazione.
Il target di marketing  è composto dai consumatori (potenziali o attuali) che l’azienda stessa desidera acquisire o mantenere nel tempo. Esso viene definito dal reparto marketing dell’azienda stessa.
Il target di comunicazione, invece, identifica gli individui ai quali è indirizzata un determinato messaggio pubblicitario, e solitamente viene individuato dall’agenzia creativa.

Raramente, il target di marketing coincide con quello di comunicazione.
In comunicazione, infatti, è più conveniente focalizzarsi su un target più reattivo ai messaggi, oppure in grado di influenzare altri segmenti con il suo comportamento.
Il target di marketing, invece, tende a coincidere esattamente con le persone che l’azienda è interessata a raggiungere.

 

Come individuare il target: la segmentazione

 

La segmentazione del mercato è un processo estremamente importante per le aziende, poiché è utile a individuare il target (o i target) a cui rivolgersi.
L’obiettivo è quello di suddividere il mercato di riferimento di un’azienda in gruppi di consumatori (detti anche segmenti), omogenei al loro interno ed eterogenei l’uno dall’altro.
Gli individui appartenenti a uno stesso segmento avranno quindi caratteristiche simili, tra cui età, genere, reddito, titolo di studio, area geografica, abitudini e necessità).

Una volta individuati i diversi segmenti di mercato, l’azienda, in base ai suoi obiettivi, dovrà decidere se rivolgersi a tutti, oppure se individuare uno o più gruppi di consumatori e sviluppare diverse strategie per acquisirli.
In questo modo, l’azienda individuerà il suo target, o i suoi target.

Tale processo è fondamentale per individuare una nicchia di persone realmente interessate a ciò che l’azienda vuole offrire loro. Saranno individui che trarranno un beneficio dai prodotti o servizi dell’azienda, si identificheranno con essi e soddisferanno i loro bisogni/desideri.

Analizzando più approfonditamente ciascun target, l’azienda sarà in grado di comprendere le sue caratteristiche, i suoi gusti, cosa lo spinge all’acquisto, la percezione che ha dell’azienda e dei suoi brand, il suo livello di soddisfazione…

 

 

L’importanza di avere un target ben definito

 

Per un’azienda, individuare un target ben definito è importante per due motivi principali.

Innanzitutto, dalla definizione chiara e precisa del target dipende l’intero marketing mix dell’azienda (ovvero le 4P: product, price, place e promotion).
Essa, infatti, dovrà avere un’idea chiara del target a cui rivolgersi per sviluppare una strategia adatta al pubblico di riferimento e ottimizzare l’offerta in funzione dei suoi bisogni, delle sue abitudini di consumo e della sua soddisfazione o insoddisfazione.
Questo perché ciascun prodotto o servizio è destinato a un consumatore specifico.
Di conseguenza, il successo della vendita o della comunicazione deve essere coerente con le caratteristiche degli individui a cui l’azienda si rivolgerà e che acquisteranno i suoi beni.

 

La definizione precisa del target, poi, è essenziale per l’azienda poiché le permette di individuare le giuste strategie per raggiungere gli obiettivi di business prefissati.
Una volta definito il target, infatti, l’azienda potrà nel tempo valutare la necessità di fare degli aggiustamenti all’offerta e alla strategia comunicativa (sulla base della risposta fornita dal target) ma anche di rivedere gli obiettivi e il target stesso.

 

È proprio per questi motivi che le aziende spendono molto tempo e denaro per definire e monitorare il target di riferimento.
Non conoscere il proprio target, infatti, può essere un grosso danno per l’azienda. Non sapere a chi rivolgerà i suoi prodotti/servizi o i suoi messaggi non le consentirebbe, infatti, di raggiungere gli obiettivi stabiliti.
Si tenderebbe quindi a disperdere risorse in azioni che rischiano di rivelarsi non profittevoli.

 

 

Come definire il proprio target

 

Secondo MarketingStudio, per definire il proprio target occorre dapprima individuare le sue caratteristiche come se fosse una persona che si conosce bene.
Si inizia quindi ad individuare il genere, l’età, la localizzazione geografica, la professione, le abitudini comunicative, i suoi interessi, i problemi che deve risolvere, cosa acquista e dove, come il prodotto/servizio offerto dall’azienda può aiutarlo e quali suoi bisogni può soddisfare.

 

I sei passaggi per identificare il proprio target

 

In particolare, per individuare il proprio target, l’azienda può procedere seguendo sei passaggi:

  1. Analizzare i bisogni dei clienti: si parte individuando i problemi dei consumatori (attuali o potenziali), i loro bisogni (anche latenti), e comprendere se si è in grado di risolverli con i beni offerti o con i messaggi di comunicazione.
  2. Creare un ritratto del proprio consumatore tipo: sulla base dei problemi individuati, occorre elencare le diverse tipologie di clienti che potrebbero avvertire queste necessità.
    A questo punto, inizia a costruirsi l’immagine del consumatore a cui rivolgersi.
  3. Individuare i consumatori specifici che otterranno beneficio dall’attività dell’azienda, affinché il target sia più invogliato ad agire e rivolgersi all’azienda.
  4. Decidere su quali segmenti di mercato concentrarsi: data la presenza di prodotti/servizi e messaggi adatti a ciascun tipo di consumatore, è importante identificare quali segmenti di mercato conquistare per costruire efficacemente una reputazione positiva e ottenere un ampio riscontro.
  5. Identificare le competenze che si possono offrire: un modo per stabilire quale sia il target giusto da raggiungere è riflettere sulla propria azienda e i suoi dipendenti.
    In questo modo, si potrà comprendere se si è gli unici a offrire un determinato bene in un’area geografica, oppure se esiste un particolare segmento di mercato propenso ad acquistare i prodotti/servizi dell’azienda.
    Fattori di questo genere sono utili a stabilire un’offerta interessante per un particolare segmento di mercato.
    È quindi importante sfruttare le informazioni e le conoscenze che si possiedono perché sono un valore aggiunto.
  6. Individuare i competitors, sia effettivi che potenziali, e comprendere a quali segmenti di mercato puntano.
    Se mirano allo stesso segmento di mercato dell’azienda, essa dovrà decidere se imitare le loro strategie, oppure se differenziare i propri prodotti dai loro.
    In altre parole, è importante capire come competere all’interno di uno stesso segmento per acquisire il numero maggiore di consumatori.

 

 

Uno studio continuo per stare al passo con i tempi

 

Naturalmente, occorrerà poi  studiare il target in maniera continuativa, poiché i mercati e i consumatori cambiano continuamente, così come le esigenze e le abitudini di ognuno.
Rimanendo al passo con i tempi si potranno, infatti, adattare le proprie strategie a seconda delle tendenze che si affermano sul mercato.
In alcuni casi può essere necessario modificare il proprio prodotto o servizio poiché negli anni cambiano le necessità o le abitudini del target di riferimento.

 

 

Chiamaci, scrivici, richiedi un appuntamento
o un preventivo: siamo qui per te!
CONTATTACI