@: info@rundesign.it
Tel: +39.02.2593364

Logo Enel: la storia

Logo Enel: la storia
9 Ottobre 2020 Alice Mennoia
Storia del logo Enel

Il logo Enel è uno di quei logotipi ad aver avuto un’evoluzione molto varia, cambiando radicalmente a seconda dei periodi storici che ha attraversato.
Nel 1962, sotto l’appoggio dell’intervento pubblico tipico degli anni del miracolo economico italiano, nasce ENEL. Come ben deducibile dal suo acronimo originario “Ente Nazionale per l’Energia Elettrica“, Enel si posiziona oggi come uno dei principali produttori e distributori globali di energia elettrica, gas e servizi integrati. Spinta dallo spirito creativo italiano e cavalcando l’onda del cambiamento, Enel si è fatta pioniere dell’energia rinnovabile, enfatizzando così la sua attenzione per la sostenibilità.

Il primo logo Enel

Il primo logo di Enel, in linea con lo stile anni ’60, era molto semplice ma anche efficace. Il nome dell’azienda, scritto in carattere stampatello maiuscolo con lettere graziate, era inserito in una cornice rettangolare dai bordi arrotondati. Il colore individuato per rappresentare il brand era un azzurro cyan acceso usato prevalentemente su fondo bianco. Un logo semplice, molto essenziale ma piuttosto incisivo ed in grado di comunicare nell’immediato l’identità aziendale.

 

Logo Enel 1963

 

L’evoluzione del logo negli anni 80

Negli anni 80 il logo Enel viene ridisegnato ed utilizza questa volta forme più complesse. Rimane protagonista l’acronimo dell’azienda ma questa volta la scelta ricade su un carattere minuscolo. L’elemento caratterizzante lo troviamo nella  prima lettera “E” che viene rappresentata di dimensioni maggiori rispetto alle altre ed ha una forma avvolgente. Compare il simbolo della saetta. Grazie ad essa si porta al centro dell’immaginario il concetto di elettricità e si esprime la potenza dell’energia elettrica prodotta. Per quanto riguarda il colore si è scelto un nero deciso. Questo logo oggi risulta effettivamente poco leggibile e confuso, troppi elementi infatti si contendono l’attenzione dell’osservatore. La “n” risulta inoltre molto difficile da individuare per un occhio poco esperto.

 

Logo Enel anni 80

 

Il logo Enel nel 1991

Siamo nel 1991, prima della trasformazione dell’Ente in S.p.a, ed il logo assume nuovamente un aspetto più semplice. Infatti per la scritta viene utilizzato “Futura”, un font pieno e maiuscolo che, attraverso l’espediente grafico dell’inclinazione verso destra, trasmette l’idea di movimento. I segni grafici scompaiono e di conseguenza il logo Enel risulta più definito e leggibile. Rimane anche l’uso del colore nero che rende il logotipo deciso e imponente. Nonostante l’efficacia della sua semplicità il logotipo Enel proposto risulta però troppo minimale e privo di personalità.

 

 

La nascita del famoso pittogramma

Alla ricerca di una personalità del brand più ricercata nel 1997 Enel si propone di studiare una nuova identità visiva per il proprio brand.

Con un concorso a cui partecipa un gruppo ristretto di agenzie si intese definire il nuovo concept che guidasse il disegno del nuovo logotipo Enel. La scelta cadde sulla proposta di Maurizio Minoggio su concept di Bob Noorda e della sua agenzia grafica Unimark. A convincere fu specialmente la straordinaria corrispondenza tra il segno e le diverse valenze richieste sul piano simbolico ed evocativo.

Il pittogramma, piccolo disegno stilizzato, semplice e riconoscibile si avvaleva di una simbologia primaria e familiare: il sole, l’albero, la raggiera e le radici dell’albero. Questi simboli riassumono la mission e la vision di Enel. Il sole che richiama il concetto di energia, forza, calore; l’albero che rappresenta l’attenzione di Enel all’ambiente e alla sostenibilità; i 9 raggi che rappresentano le divisioni interne organizzative dell’azienda e i relativi campi d’azioni; le radici, simbolo di solidità di un’impresa che si espande nel territorio dove marca la sua presenza.

Per ciò che riguarda i colori sono l’arancione e il blu quelli prescelti: sono anch’essi portatori di istanze legate alla vitalità e all’energia. Nel marchio originale dalle linee morbide è possibile riconoscere una lampadina al centro dell’albero, è infatti un’illusione ottica prodotta dallo spazio bianco in negativo al centro del pittogramma. La font individuata è il Frutiger leggermente modificato per ottenere una percezione ottica ottimale.

 

Logo Enel Unimark

 

Il logo Enel oggi

Nel 2016 Enel presenta la nuova identità visiva, utilizzata ancora oggi. Progetto e strategia di comunicazione sono affidati all’agenzia Wolff Olins in collaborazione con Saatchi&Saatchi. Il nuovo logo rappresenta il posizionamento Open Power dell’azienda: una natura innovativa, sostenibile e digital. Una strategia che punta su semplicità, apertura e chiarezza per un brand che è più di un logo, è una visione, una cultura. Al centro del progetto c’è il cursore, il punto di partenza dell’energia, sempre in movimento e energico. È proprio dal movimento di cursori luminosi nello spazio bidimensionale che, attraverso le scie colorate prodotte, prendono forma le lettere che compongono la scritta Enel.

 

 

Open Power è trasformazione e partecipazione

L’azienda in collaborazione con l’agenzia ha scelto la strada di un marchio trasformativo; l’idea è quella di rappresentare una nuova era partecipativa per il settore dell’energia, un’era in cui le persone produrranno la propria energia. La tecnologia sarà di il vettore e il supporto della trasformazione verso risorse energetiche più sostenibili. Il concept alla base della nuova identità visiva e del logo Enel è superare l’idea della mera produzione verso una filosofia incentrata sulle persone che coinvolge i propri clienti, partner e stakeholder.

 

Logotipo Enel oggi

 

Tutto ciò è stato finalizzato in una nuova architettura del brand che include la creazione del marchio di servizi Enel X e una nuova identità visiva costruita attorno a un cursore. Un logo moderno e altamente riconoscibile, con un’estetica soft e attuale. Un video racconta molto bene la genesi del logo Enel e delle sue scie colorate.

 

logo enel nero positivo

Enel utilizza la sua tipografia unica per tutti i marchi Enel, Enel Green Power ed Endesa creando un’immagine coordinata dell’azienda coerente ed efficace.

 

logo enel greenpower

 

logo endesa

 

logotipo enel varianti colore

 


Sei interessato a conoscere la storia dei loghi più famosi? Leggili tutti nel nostro blog: la Storia dei Loghi.